ER BABUINO – LA STATUA PARLANTE DE ROMA

Ciao. Questo sito è di presentazione. Per leggere tutti i miei versi satirici in dialetto romanesco completati da una parafrasi e da una guida alla lettura vai al sito http://xoomer.alice.it/erbabuino La satira non ha bandiere o colori. E’ pro tutti ed è contro tutti, ma non è in tutti e non è per tutti. La satira non inventa. Prende spunto da … Continua a leggere

DU’ CHIACCHIERE IN PARLAMENTO SU ‘A RIFORMA ELETTORALE

‘Na vorta giri te, quann’è che sarto io, poi dopo tocca a te, e allora er giro è mio. ‘A corda e l’artalena: so’ questi i mejo giochi pe’ quelli come noi che vonno restà pochi, si pure quarcheduno ha fatto le scintille perché eravamo troppi: ma semo solo mille! Cercamo d’evità ‘na legge elettorale che spezza quella corda, sennò … Continua a leggere

‘A CONGREGA DEGLI ARGUTI CONTRO LI PARLAMENTARI INQUISITI E CONDANNATI

So’ anni oramai che ‘nvano me ce arabbio: Nun ponno governà! Er posto loro è ‘r gabbio! So’ ricchi, so’ potenti e sso’ bene ammanicati, ma ‘r modo ce dev’esse’ pe’ vedelli carcerati. Pasquino che dde Roma sei la voce più famosa Aiutame a caccià ‘sta ggente vergognosa. Marforio s’è ‘mpaurito, assieme cor Facchino, e ha detto che s’arenne, che … Continua a leggere

‘A LUPA E L’AGNELLI

C’era ‘na vorta un regno, l’Itaja infine ‘ntera: una nazzione verde coi monti e le pianure, ‘n insieme de bellezze de tutte le nature, e ggente abbituata a lavorà la tera. Un giorno un certo Agnelli, che n’era contadino, incominciò a parlare ai poveri braccianti, facennoje proposte de vite più allettanti dicenno che ‘a fortuna passava pe’ Torino. “Buttate via … Continua a leggere

LI FINTI URTRA’

A te che te nasconni vijacco tra la ggente e insudici ‘a bandiera portata indegnamente: ‘A curva cambia maja, ma er gusto è sempre quello de ritrovasse ar buio, armato de cortello a riparà lo sgaro… in trenta contro uno. Si poi ce vo’ ‘n contesto pe’ esse criminale er branco è ‘r posto giusto pe’ chi fa l’animale, ma … Continua a leggere

TUTTE… MENO UNA

Risponnete a ‘sta domanna: tutte ‘e città itajane che cosa hanno ‘n comune?. “Pe’ mme so’ le puttane!” “’O so: i carabbigneri!” “Er monumento a li caduti!” “De certo er magna’ bbono!”. “Saranno li cornuti?” “La cchiesa co li preti!” Ma nno, state lontano! È ‘na Via chiamata Roma che trovate dappertutto. Purtroppo su ‘o stradario, e è ‘n fatto … Continua a leggere

‘A RAI DE IERI (DE OGGI E DE DOMANI)

Ce stava solo er Primo, ma, doppo ‘n pò de anni, miracolo! Er Seconno: mo c’ho l’arternativa! Er quiz o la commedia, Modugno o Giggi Riva, adesso posso sceje mentre che stiro i panni, che sporvero er salone o che cocio lo stufato aspettanno mi’ marito che stacca dar lavoro. Tornanno un giorno disse: “Qui nun c’è più decoro! La … Continua a leggere

LI TEMPI DER PAPA

Li tempi so’ finiti da quanno li romani lasciannome in deposito fojetti contro i preti (che in pochi allor leggevano, essendo anarfabeti) ce l’avevano cor Papa e coi messi vaticani. Li tempi so’ cambiati adesso che ‘a tortura dar clero è abbandonata, che rotta Porta Pia li svizzeri e i francesi se ne so’ annati via, che un bene ormai … Continua a leggere

A CORRADO GUZZANTI

Tu spirito de Roma, de quella vecchia e nova, seguace de me stesso e de ciò che rappresento, satirico giullare maestro der dissento, ‘na domandina sola, pe’ mettete alla prova: si lo scenziato dice, e de certo nun se sbaja, che ‘r dienneà se passa dar genitore ar fijo, com’è che sei sinistro, arguto e cor cipijo, se ‘r padre … Continua a leggere

FARNETICAZIONI SU ‘A MAFIA CINESE

FARNETICAZIONI SU ‘A MAFIA CINESE (Parte I: L’insediamento der drago e de la piovra) Nun so quann’è iniziato, si ccentra Marco Polo, ma ciò che me fa strigne è quello che sarà. Se insediano ‘n silenzio: er primo viè dda solo, però nun è ‘mpaurito: sa ggià nd’ annà a parà. Infatti fu chiamato da ‘n tipo che ‘n te … Continua a leggere